Recently Added Videos

Azzurri di Gloria è di proprietà di Luca Lovelli
CF: LVLLCU87T16F965K
email [email protected]

Article source: https://www.azzurridigloria.com/scherma-olimpiadi/coppa-del-mondo-sciabola-spada/

VERONA – Paura allo stadio Bentegodi di Verona, dove era in programma il posticipo della 26esima giornata di campionato tra l’Hellas e la Spal. Al decimo minuto della ripresa un tifoso ospite è caduto nel vuoto, finendo dalla Curva Nord superiore sui gradoni dell’anello inferiore, dopo un volo di diversi metri. Immediatamente soccorso dai sanitari del 118, è stato trasportato in codice rosso all’ospedale di Borgo Trento. Secondo quanto si apprende il tifoso, nonostante diverse fratture, non sarebbe in pericolo di vita.

Article source: http://www.diariopartenopeo.it/notizie-italia/notizie-sportive-italiane/21/02/2017/verona-spal-tifoso-cade-dagli-spalti/

Il 2017 di Kia si preannuncia ricco di novità, sia sul fronte prodotti che dal fronte sul comunicazione.

Giuseppe Mazzara, Marketing Communication Pr Director di Kia Motors Italia ha infatti annunciato il lancio quattro nuove vetture, a cui corrispondo altrettante iniziative pubblicitarie.

La nuova campagna Kia Rio

La prima campagna, dedicata alla Kia Rio e in onda da domenica scorsa, è declinata su televisione, radio, stampa e sui canali online, secondo un piano che alloca il 56% del budget di comunicazione alla tv e il 35% al digitale, con la rimanente quota distribuita sui restanti mezzi.

VERONA – Paura allo stadio Bentegodi di Verona, dove era in programma il posticipo della 26esima giornata di campionato tra l’Hellas e la Spal. Al decimo minuto della ripresa un tifoso ospite è caduto nel vuoto, finendo dalla Curva Nord superiore sui gradoni dell’anello inferiore, dopo un volo di diversi metri. Immediatamente soccorso dai sanitari del 118, è stato trasportato in codice rosso all’ospedale di Borgo Trento. Secondo quanto si apprende il tifoso, nonostante diverse fratture, non sarebbe in pericolo di vita.

Article source: http://www.diariopartenopeo.it/notizie-italia/notizie-sportive-italiane/21/02/2017/verona-spal-tifoso-cade-dagli-spalti/

O português André Correia assumiu, em Dezembro, a responsabilidade pela cozinha de um novo restaurante no Galaxy Entertainment. O estabelecimento tem como especialidades as ostras e a carne maturada grelhada, dois ingredientes que, no entender do jovem chef, ainda não atingiram a necessária projecção no mercado do território.

André Correia chegou a Macau há cinco anos, impelido pela curiosidade que dizia sentir sobre o Continente Asiático. Para trás deixou uma Europa onde as oportunidades profissionais associadas à indústria gastronómica “existiam mas eram muito demoradas”. Depois de explorar a culinária chinesa, portuguesa e macaense – e de desenvolver inúmeros projectos ligados à alimentação ao longo dos últimos anos – o chef português aceitou o desafio de abrir um novo restaurante em Macau: um projecto que lhe permite trabalhar com “alguns dos melhores profissionais do território”, contou ao PONTO FINAL.

Inaugurado em Dezembro último, o “The Apron” – um novo espaço de restauração no Galaxy Entertainment – aposta na confecção de ostras e nos grelhados de carne maturada, mas André Correia garante que a herança lusa não está esquecida e promete algumas surpresas relativamente à sua “linha portuguesa”: “É um projecto de “oyster and grill” [ostras e grelhados, em português], onde as ostras vêm de França para Macau, passando apenas pelo aeroporto de Taiwan. É a escala mais rápida que existe, é a forma mais rápida de fazer chegar as ostras a Macau sem passar por Hong Kong e vir por ferry e afins. Ou seja, são fresquíssimas, existe uma variedade de oito ou nove tipos de ostras, dependendo dos dias”, explicou o chef português.

A sazonalidade associada ao ingrediente é uma das condicionantes da criação do cardápio do restaurante. O interesse dos clientes, por outro lado, também influencia as escolhas gastronómicas de André Correia, forçando o jovem chef a inovar constantemente: “Todos os meses e, por vezes, todas semanas, há novidades relativamente às ostras”.

A inovação é, no entender de André Correia, um dos factores diferenciadores entre o seu restaurante e os restantes do território: “Já tenho em estudos outras ostras novas. Não existe esta oferta de variedade, diversidade e frescura de ostras. Garantidamente, não existe”, afirmou Correia ao PONTO FINAL.

Quanto à outra grande aposta do projecto – a que passa pelos grelhados – o chef português assume que, apesar que existirem “bons ‘steak houses’ em Macau”, o restaurante pelo qual é responsável “acrescenta muito [à oferta no território]”, uma vez que os grelhados são confeccionados sob o olhar dos clientes: “A cozinha é toda aberta, o balcão é baixo e observa-se 120 por cento do que se está a passar”, sublinha.

André Correia salientou que estes “serão dois pontos que irão criar algum interesse ao mercado de Macau e irão revolucionar um bocado os que já cá estão instalados”.

 

 

Os outros projectos em Portugal e e Macau

 

Assume-se “ávido da cozinha mediterrânica em geral” e justifica-o com as passagens por Espanha, sul de França e Itália, onde estagiou no Rome’s Cavallieri Hilton Waldorf Astoria. Em Portugal, André Correia trabalhou na área da restauração do hotel de luxo “The Oitavos”, na Costa do Estoril, e desenvolveu projectos ligados à consultoria alimentar, design de cozinhas e serviços de chef privado, cujos conceitos acabou por transpôr para Macau.

O projecto “My Chef” – que se estreou em Cascais e no Estoril – fez sentido em Macau porque “não havia ninguém a fazer, aqui, jantares de ‘private chef’”, referiu Correia, explicando que “o chef vai a casa e trata basicamente de tudo, de A a Z, desde fazer as compras ao menu, ao serviço, aos materiais necessários, tudo”.

O projecto estendeu-se a uma parceria com o Jardim de Infância D. José da Costa Nunes onde, durante um semestre, introduziu “um projecto de cozinha saudável, de alimentação saudável e educação aos miúdos”.

Já em 2015, abriu, enquanto chef, o “T for Tapas” no Hotel Hard Rock, na Melco Crown, que “chegou a ser o restaurante número 1 do TripAdvisor em Macau”: “Tive oportunidade de ter liberdade, fazer os menus, fazer um pouco o jogo não só de tapas espanholas como de tapas do mundo, bem como muitos pratos com influência portuguesa e alguma influência da Madeira, uma vez que sou do Funchal”, apontou André Correia.

Também em Macau, o chef de cozinha criou a associação Simbiose – à qual preside – que visa promover a gastronomia portuguesa e dos países de língua portuguesa. Correia adiantou ao PONTO FINAL que já há actividades agendadas para este ano, mas que ainda não houve divulgação das mesmas. Contudo, avançou que no quarto trimestre “será feita uma reunião de chefs dos países de língua portuguesa e um jantar de exposição do cruzamento das várias gastronomias”. Na calha estão ainda dois projectos de cooperação entre associações de Macau e a Simbiose, mas que “ainda não podem ser divulgados”. J.F

Article source: https://pontofinalmacau.wordpress.com/2017/02/20/ostras-e-bife-com-mao-portuguesa-andre-correia-de-avental-ao-peito/

Ultima chance di medaglia per le azzurre dello sci alpino: i Mondiali di St. Moritz ospitano lo slalom gigante femminile, disciplina nella quale le azzurre sono da top-5 mondiale. Sofia Goggia e Federica Brignone hanno fatto un’ottima prima manche e sono da medaglia.

MONDIALI SCI ALPINO: GOGGIA SECONDA DOPO LA 1A MANCHE, 4a FEDERICA BRIGNONE. GUIDA LA WORLEY

L’Italia dello sci alpino è ancora a secco di medaglie in questi Mondiali di St. Moritz, e si giocherà le ultime chances di podio tra oggi e domenica, quando la rassegna iridata si chiuderà con lo slalom speciale maschile: oggi, però, è il turno dello slalom gigante femminile, la disciplina nella quale le nostre atlete sono tra le migliori al mondo e possono ambire seriamente a una medaglia. Nell’ultimo gigante di CdM, Federica Brignone aveva trionfato a Plan de Corones, con Marta Bassino terza e Sofia Goggia delusa (ma Sofia è stata grande negli altri slalom), e quest’oggi le azzurre sono subito partite bene sin dalla prima manche. Una manche che vede Tessa Worley al comando col tempo di 1.02.01, ma subito dietro di lei ecco il tricolore italiano: è Sofia Goggia la prima inseguitrice della francese, anche se la bergamasca è staccata di 48/100, accumulati con un errore iniziale che le ha impedito di strappare il primato. Bene anche Federica Brignone, che è quarta alle spalle di Mikaela Shiffrin (staccata di 72/100) e, pur essendo a 1”10 dalla Worley, può ancora lottare per il podio: sono proprio Goggia e Brignone le speranze di medaglia azzurre, mentre Marta Bassino delude parzialmente, ed è in 10a posizione (a 1”49), preceduta di 7/100 dall’altra italiana in gara, Manuela Moelgg. Ci sono speranze per l’Italia dunque, che deve sperare in Sofia Goggia e Federica Brignone, mentre deludono big come Tina Weirather e Anna Veith (che noi conoscevamo come Anna Fenninger, prima del matrimonio): l’atleta del Liechtenstein, condizionata da un infortunio, è 16a, mentre la campionessa uscente chiude addirittura 23a.

MONDIALI SCI ALPINO: SOFIA GOGGIA È BRONZO NEL GIGANTE, BRIGNONE QUARTA!

L’Italia si attendeva molto da questo slalom gigante, e le azzurre non hanno deluso le attese: ottime le manche di Federica Brignone e Manuela Moelgg, che trovano delle gare di altissimo livello, ma è Sofia Goggia, seppur con qualche errorino in avvio, a trovare la prima medaglia azzurra in questi Mondiali di St. Moritz. L’atleta bergamasca, che partiva dal 2° posto dietro a Tessa Worley, disputa una buona manche nel complesso, ma viene scavalcata da Mikaela Shiffrin, che fa la differenza sul piano finale e supera Sofia di quattro decimi: la Goggia è così bronzo, dato che l’oro va alla dominatrice del gigante Tessa Worley, che supera lo scricciolo americano di 33/100, amministrando i 72/100 che aveva in partenza. Oro Worley, argento Shiffrin e bronzo Goggia, mentre la delusa di giornata è Federica Brignone, che però può essere soddisfatta per aver disputato una manche stupenda: l’azzurra ha guadagnato in ogni settore alle avversarie, Shiffrin compresa (che ha ottenuto il miglior tempo della 2a manche), con l’americana che l’ha superata solo con una grande prova nel piano finale, da buona slalomista di livello superiore. Brignone quarta dunque, a 92/100 dalla vincitrice, mentre Manuela Moelgg chiude al 6° posto: la sorella di Manfred, ottima gigantista, era all’ultimo Mondiale della sua carriera, ed ha onorato al meglio l’impegno con una seconda manche di alto livello. 11a invece Marta Bassino, che ha pagato l’emozione dell’esordio iridato, commettendo qualche errore di troppo anche nella seconda frazione (ma il futuro è suo, e l’ha già dimostrato in Coppa del Mondo). E così l’Italia centra la prima medaglia di questi Mondiali, con Sofia Goggia che si scioglie in lacrime sul podio: l’azzurra ha vissuto due giorni da incubo per l’influenza, e dunque questo bronzo vale doppio.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di sci alpino anche sui nostri social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e Google +.

Article source: https://www.azzurridigloria.com/sci-alpino-olimpiadi/mondiali-goggia-bronzo-gigante/

Azzurri di Gloria è una testata giornalistica quotidiana
registrata presso il Tribunale di Alessandria il 20/06/2016
Num. RG 1013/2016 – Numero registro stampa: 39
Direttore responsabile: Luca Lovelli

Article source: https://www.azzurridigloria.com/scherma-olimpiadi/coppa-del-mondo-sciabola-spada/

Da VivoPerLei
bruceprotto scrive:

Ho saputo solo ad inizio delle partite delle 15 che Zednek Zeman era tornato sulla panchina del Pescara,pultroppo impegni di lavoro mi hanno tenuto lontano dalle notizie sportive negli ultimi giorni.Davo scontato una sconfitta del Pescara qualora ci fosse stato ancora Oddo,infatti avevo messo una X alla giocata,ma quando ho saputo che il Boemo era tornato in panchina,avevo l’intenzione di gettarla in quel preciso momento.Infatti con i suoi moduli,con lanci lunghi e pedalare è riuscito a battere il Genoa,certo direte ha tolto a Gennaio Pavoletti e Rincon ,ma soprattutto una ricaduta per Mattia Perin che non ha pace con tutti questi infortuni che si inseguono da due anni a questa parte di lunga durata.Ma la bravura di Zeman è quella di prendere in mano una squadra a pezzi e rimontarla come un puzzle,pezzo per pezzo fino a metterla in campo,la squadra è sempre la stessa, è sempre quel Pescara che lotta per la salvezza,anzi che quella salvezza è poco più di un miraggio …
CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Luca Borioni risponde:

Zdenek Zeman è – come si usa dire – un brand vincente. Non tanto sul piano dei risultati quanto su quello dell’immagine. Quando arriva lui, gli entusiasmi della piazza si riaccendono. A Pescara era già capitato ed era anche arrivata la promozione in serie A. Stavolta la magia si è ripetuta per la partita d’esordio con il 5-0 rifilato al Genoa. Ancora una volta la rivoluzione zemaniana, dopo una sola gara, non può essere stata quella tattica ma sicuramente motivazionale. E il risultato si è visto. Quanto durerà? Permetterà al Pescara di conquistare la salvezza? 
CLICCA QUI PER PARTECIPARE AL DIBATTITO

Article source: http://www.calciomercato.com/news/zeman-puo-realizzare-un-altro-miracolo-a-pescara-72432

Breaking the news to circus employees on Saturday night after shows in Orlando and Miami, Kenneth Feld, chairman and CEO of Feld Entertainment was visibly emotional.

“There isn’t any one thing,” he started. “This has been a very difficult decision for me and for the entire family.”

The circus has two touring shows this season and will perform 30 shows between now and May.

The show has been hit by several factors: declining attendance, high operating costs, and changing public tastes, plus prolonged battles with animal rights groups have contributed to its demise, company executives said.

The show mustn’t go on after all

The circus has been a staple of entertainment in the US since the mid-1800s, when Phineas Taylor Barnum made a traveling spectacle of animals and human oddities popular from his home base in Wisconsin.

“The competitor in many ways is time,” said Feld, adding that transporting the show by rail and other circus quirks – such as providing a traveling school for performers’ children – are throwbacks to another era.

“It’s a different model that we can’t see how it works in today’s world to justify and maintain an affordable ticket price. So you’ve got all these things working against it.”

After a long and costly legal battle, the company – which has about 500 people working on two touring shows – was obliged in May 2016 removed the elephants from the shows and sent the animals to live on a conservation farm in Florida.

Attendance has been dropping for 10 years, said Juliette Feld, but when the elephants left, there was a “dramatic drop” in ticket sales.

The circus was widely known by its slogan ‘The Greatest Show on Earth,’ which became so famous that it was often used in various slang contexts as well as for the title of the 1952 Oscar-winning film by Cecil B. DeMille starring Charlton Heston and Betty Hutton.

The online site “Newstimes” provides a chronology of the circus’ history:

— 1841: Phineas Taylor Barnum buys Scudder’s American Museum in New York and renames it Barnum’s American Museum, which was something of a zoo, museum, lecture hall and freak show. It was filled with artifacts and items from around the world. The museum later burned down.

— 1881: Barnum partners with James A. Bailey and James L. Hutchinson for “P.T. Barnum’s Greatest Show On Earth, And The Great London Circus, Sanger’s Royal British Menagerie and The Grand International Allied Shows United,” later shortened to the “Barnum London Circus.”

— 1882: The Ringling Brothers — Alf, Al, Charles, John and Otto — performed their first vaudeville-style show in Mazomanie, Wisconsin.

— 1884: The Ringling Brothers Circus begins as a traveling performance.

— 1887: The official Ringling touring show became the “Ringling Bros. United Monster Shows, Great Double Circus, Royal European Menagerie, Museum, Caravan, and Congress of Trained Animals.”

— 1895: The Ringlings decided to branch out to New England, which was already the territory of P.T. Barnum. According to the Wisconsin Historical Society, the two circuses “agreed to divide the U.S. rather than compete head-to-head. The Ringlings established their headquarters in Chicago while Barnum and Bailey stayed in New York.”

— 1907: After the death of James Bailey, the Ringlings buy Barnum and Bailey. They keep the circuses separate, and the Wisconsin Historical Society wrote that by the 1910s the Ringling Bros. Circus had more than 1,000 employees, 335 horses, 26 elephants, 16 camels and other assorted animals that traveled on 92 railcars. The Barnum and Bailey Circus was roughly the same size.

— 1919: The two circuses merged and became known as “Ringling Bros. and Barnum Bailey Combined Shows.”

— 1927: John Ringling moves circus headquarters to Sarasota, Florida.

— 1967: Irvin Feld, a music and entertainment promoter, buys The Ringling circus and formally acquires it in a ceremony held at the Colosseum in Rome.

— 1985: Kenneth Feld, Irvin’s son, becomes the owner of Feld Entertainment and the circus after his father dies.

— 2016: Feld Entertainment announces it will retire elephants from its circus shows. The animals are moved to its Center for Elephant Conservation in Polk County, Florida.

— 2017: Feld Entertainment announces that it will close the Ringling Bros and Barnum Bailey Circus.

 jbh/kl (AP, Reuters)

Article source: http://www.dw.com/en/greatest-show-on-earth-to-close-in-may/a-37136795

Hugh Jackman toma pingado (Foto: Reprodução)

Hugh Jackman, ator que dá vida ao personagem Wolverine no cinema, desembarcou no Brasil neste domingo (19), no aeroporto de Guarulhos.

Ele veio divulgar “Logan”, o novo filme em que interpreta Wolverine. Ao contrário de João Dória, ele adorou o “pingado” e mandou um recado para os fãs em português. “Estou feliz de estar em São Paulo tomando meu primeiro pingado. Obrigado!”, disse.

Em entrevista concedida ao Entertainment Tonight, Jackman falou sobre a despedida do icônico mutante, já que este será o último filme.“Não há um momento deste filme onde eu não tenha dado tudo de mim. Eu não poderia ter feito este filme se eu não dissesse para mim mesmo que era o último… Eu amo esse personagem. Eu devo minha carreira ao Wolverine.”, disse.

Confira abaixo o vídeo e alguns comentários dos internautas após o momento “épico”:

 

INSCREVA-SE NO NOSSO CANAL DO YOUTUBE CLICANDO AQUI!

Article source: http://www.otvfoco.com.br/hugh-jackman-toma-pingado-em-sao-paulo-e-manda-recado-em-portugues-confira/

AUGUSTA, Ga., Jan. 17, 2017 /PRNewswire/ — Georgia-based Stars and Strikes recently announced plans to open a new family entertainment center in Augusta, GA in November 2017, marking their eleventh location and the tenth in the state of Georgia.



The new Stars and Strikes location in Augusta will feature 24 state of the art bowling lanes.


The 55,000 square foot facility located at 4238 Wrightsboro Road – convenient to Interstates 20 and 520 – will house 24 bowling lanes, 8 of which are VIP lanes in the signature Main St Lounge. The new Augusta location will offer fun and unique bowling leagues for all ages and skill levels.  In addition to bowling, Stars and Strikes will feature other attractions, including a 7,000 sq. foot arcade and prize store, a multi-story laser tag arena, bumper cars, the 7/10 Grille restaurant and a large full-service bar surrounded by big screen TVs for sports viewing.

The new Augusta facility also includes multiple private party rooms for events, highlighted by an upscale corporate event room that will seat 200 with a full private bar. The Main St Lounge features VIP bowling lanes in an upscale setting that is ideal for corporate and group events of all sizes.  Stars and Strikes excels at providing deluxe, chef-crafted cuisine in a fun-filled atmosphere. Corporate and private event guests initially visit for the fun, only to be pleasantly surprised at the quality and taste of the private event buffets and food packages.

“We have seen and heard demand for our unique brand of entertainment from the families and residents of Augusta and the surrounding area over the past few years,” said Chris Albano, managing partner and co-founder of Stars and Strikes. “With these families in mind, we are excited to bring a brand of family-focused entertainment to the Augusta area that guests of any age can enjoy.”

The new Stars and Strikes will offer affordable birthday party packages that are custom designed to accommodate budgets of any size.  Stars and Strikes takes great pride in delivering a fantastically fun birthday party experience for kids of all ages that is easy and affordable for parents. Stars and Strikes’ birthday parties are consistently voted the #1 Birthday Parties by multiple local news outlets. The private birthday party rooms are ideal for a child’s special day.

The Company’s newest attraction, Escape-ology, will be prominently featured in the new facility.  Escape-ology is an entertaining, interactive amusement concept where you use your powers of deduction to solve a mystery.  While it looks and feels like an ordinary room, it’s actually a real life mystery adventure game designed for small groups of friends, families and co-workers. Your team is on the clock and must solve the puzzles and figure out the clues to earn your freedom and “Escape from the Room”.

The Augusta location will feature the company’s well-regarded classic American grill dining concept, the 7/10 Grille. The restaurant will offer fresh, chef-crafted cuisine including a variety of appetizers, salads, sandwiches, specialty pizzas and other house-made items. Stars and Strikes has made it a priority to offer food and beverage options that are healthy, delicious and a welcome enhancement to the entire entertainment experience.

With nine existing locations throughout Georgia, including Columbus (opened 2016), Buford (opened 2015), Loganville (opened 2015), Woodstock (opened 2015), Sandy Springs (opened 2013), Stone Mountain (opened 2011), Dallas (opened 2008), Lawrenceville (opened 2007) and Cumming (opened 2005), and a new Stars and Strikes coming soon to Huntsville, Alabama (opening September 2017), the Stars and Strikes location in Augusta will appeal to guests of all ages and interests. The 24 state-of-the-art bowling lanes will attract serious bowlers looking to bowl in leagues, as well as families looking for a safe, clean, smoke-free entertainment center that is kid-friendly.

Stars and Strikes is excited to be an active member of the Augusta community. The company will invest over $6 million in the new facility, creating over 100 jobs, most of which will be filled locally. For more information or to apply for employment, visit www.StarsAndStrikes.com.  

ABOUT STARS AND STRIKES

Locally owned and operated, Stars and Strikes Family Entertainment Centers provide a fun and friendly atmosphere for the whole family to enjoy. In addition to state-of-the-art bowling lanes, attractions include bumper cars, laser tag, arcade games and a bar and restaurant with healthy choices and classic American favorites. Stars and Strikes currently employs over 800 people throughout Georgia. There is something for everyone at Stars and Strikes. For more information, interviews or press images, contact: Scott Harris, Director of Marketing at 678-780-9227 or via email at Sharris@Starsandstrikes.org

This content was issued through the press release distribution service at Newswire.com. For more info visit: http://www.newswire.com/

To view the original version on PR Newswire, visit:http://www.prnewswire.com/news-releases/stars-and-strikes-family-entertainment-center-to-open-in-augusta-georgia-300392067.html

SOURCE Stars and Strikes Family Entertainment

Related Links

http://www.StarsAndStrikes.com

Article source: http://www.prnewswire.com/news-releases/stars-and-strikes-family-entertainment-center-to-open-in-augusta-georgia-300392067.html

Looking to send a news release with PR Newswire?

Take advantage of the world’s leading distribution platform.

Sign up to get started

Request more information

Have an account? Log In

Article source: http://www.prnewswire.com/news-releases/zia-u-khan-md-facc-fscai-is-recognized-by-continental-whos-who-300409713.html

Under the previously disclosed terms of the Plan, CEOC will emerge from bankruptcy, separating virtually all of its U.S. based real property assets from its gaming operations. Caesars Entertainment will continue to own and manage the gaming operations. The real property assets will be held in a newly created real estate investment trust (“REIT”) owned by certain of CEOC’s creditors. Caesars Entertainment will not own any equity interest in the REIT. In addition, in connection with CEOC’s emergence, Caesars Entertainment and Caesars Acquisition Company must complete their previously announced merger (the “Merger”).

The Plan remains subject to obtaining gaming regulatory approvals, the completion of the Merger, certain financing transactions, and various other closing conditions.

“The new Caesars will be a stronger company with a healthy balance sheet, a plan for growth and investment, operating discipline and a relentless focus on employee and customer satisfaction,” Frissora said. “Upon CEOC’s emergence, we will be positioned to strengthen our financial and operational performance by pursuing new opportunities to invest in and expand our brands and business. While there is still much work ahead to complete this process, we are excited about the future of the Caesars enterprise.”

About Caesars Entertainment Corporation

Caesars Entertainment (“CEC” or the “Company”) is the world’s most diversified casino-entertainment provider and the most geographically diverse U.S. casino-entertainment company. CEC is mainly comprised of the following three entities: the majority owned operating subsidiary CEOC, wholly owned Caesars Entertainment Resort Properties and Caesars Growth Properties, in which we hold a variable economic interest. Since its beginning in Reno, Nevada, 75 years ago, CEC has grown through development of new resorts, expansions and acquisitions and its portfolio of subsidiaries now operate 47 casinos in 13 U.S. states and five countries. The Company’s resorts operate primarily under the Caesars®, Harrah’s® and Horseshoe® brand names. CEC’s portfolio also includes the London Clubs International family of casinos. CEC is focused on building loyalty and value with its guests through a unique combination of great service, excellent products, unsurpassed distribution, operational excellence and technology leadership. The Company is committed to environmental sustainability and energy conservation and recognizes the importance of being a responsible steward of the environment. For more information, please visit www.caesars.com.

Forward Looking Statement

This release includes “forward-looking statements” intended to qualify for the safe harbor from liability established by the Private Securities Litigation Reform Act of 1995. You can identify these statements by the fact that they do not relate strictly to historical or current facts. These statements contain words such as, “will”, “would”, “expect”, and “propose” or the negative or other variations thereof or comparable terminology. In particular, they include statements relating to, among other things, CEOC’s emergence and expected timing thereof, future actions that may be taken by CEC and others with respect thereto, the completion of the Merger and the financial position and actions of CEC post-emergence. These forward-looking statements are based on current expectations and projections about future events.

You are cautioned that forward-looking statements are not guarantees of future performance or results and involve risks and uncertainties that cannot be predicted or quantified and, consequently, the actual performance of CEC may differ materially from those expressed or implied by such forward-looking statements. Such risks and uncertainties include, but are not limited to, the following factors, as well as other factors described from time to time in our reports filed with the Securities and Exchange Commission: CEC’s and CEOC’s ability (or inability) to meet any milestones or other conditions set forth in their restructuring support agreements, CEC’s and CEOC’s ability (or inability) to satisfy the conditions to the effectiveness of the Plan, CEC’s ability (or inability) to secure additional liquidity to meet its ongoing obligations and its commitments to support the CEOC restructuring as necessary, CEC’s financial obligations exceeding or becoming due earlier than what is currently forecast and other risks associated with the CEOC restructuring and related litigation.

You are cautioned to not place undue reliance on these forward-looking statements, which speak only as of the date of this release. CEC undertakes no obligation to publicly update or release any revisions to these forward-looking statements to reflect events or circumstances after the date of this release or to reflect the occurrence of unanticipated events, except as required by law.

To view the original version on PR Newswire, visit:http://www.prnewswire.com/news-releases/caesars-entertainment-caesars-entertainment-operating-co-announce-confirmation-of-ceocs-plan-of-reorganization-300392018.html

SOURCE Caesars Entertainment Corporation

Related Links

http://www.caesars.com

Article source: http://www.prnewswire.com/news-releases/caesars-entertainment-caesars-entertainment-operating-co-announce-confirmation-of-ceocs-plan-of-reorganization-300392018.html

A Sony Interactive Entertainment colocou online um impressionante trailer de  intitulado “A Terra já não é nossa” onda mostra a evolução do nosso mundo.

é um jogo da que vai ser lançado exclusivamente para a 28 de Fevereiro de 2017 na América e 1 de Março na Europa.

A história de  desenrola-se mil anos no futuro num mundo pós-apocalíptico onde criaturas mecânicas colossais dominaram o mundo. O jogador controla Aloy, uma caçadora que utiliza a velocidade, a astúcia e a agilidade para permanecer viva e proteger a sua tribo contra a força, o tamanho e a potência das máquinas.

Tal como noticiámos anteriormente para além de legendas em português (PT/PT) vai igualmente ter as vozes em português (PT/PT).

Article source: http://www.otakupt.com/jogos/horizon-zero-dawn-trailer-a-terra-ja-nao-e-nossa/

Dados da PSP, da Associação Portuguesa de Apoio à Vítima (APAV) e da União de Mulheres Alternativa e Resposta (UMAR) divulgados no dia de São Valentim apontam para uma realidade nada romântica, o facto de a violência no namoro ser transversal à sociedade e estar a aumentar.

Dados de 2016 da PSP mostram que foram denunciados 1787 casos, dos quais 1020 entre ex-namorados e 767 entre namorados. 103 destes casos ocorreram entre menores de 17 anos. A violência é transversal a todas as classes sociais e nos últimos três anos as denúncias têm vindo sempre a aumentar, desde que em 2013 a violência no namoro passou ser considerada crime e incluída no crime público de violência doméstica.

Segundo declarações de Daniel Cotrim da APAV ao Diário de Notícias, nas relações em que há violência no namoro e a vítima é menor, os seus pais muitas vezes não têm conhecimento da relação, a primeira relação sexual é praticamente forçada, os namorados muitas vezes escolhem as roupas das raparigas quando saem à noite e eles têm acesso às passwords das suas contas de mail e de facebook (mas não vice-versa).

Dados de um inquérito feito com 5500 jovens publicados esta terça feira pela UMAR revelam que 19% de jovens inquiridos já foram vítimas de violência psicológica,  24% dos jovens consideram normal partilhar fotos íntimas ou insultar o/a parceiro/a através das redes sociais e 14% legitimam a violência psicológica. 

A UMAR assinala o dia de São Valentim associando-se à campanha One Billion Rising para acabar com a violência contra as mulheres, uma campanha internacional que teve início em 2012 a partir da divulgação da informação que 1 em cada 3 mulheres no planeta será espancada ou violada durante a sua vida. Para tal, a associação feminista marca encontro às 19h no centro LGBT na Rua dos Fanqueiros, em Lisboa.

Apesar de as queixas em casos de violência no namoro e, em particular, violência doméstiva estarem a aumentar, isto não se reflete num aumento de condenações. Em cada cinco queixas por violência doméstica, quatro são arquivadas, a grande maioria por falta de provas. Por outro lado, o Observatório Permanente da Justiça realizou um estudo onde revelou que a insensibilidade, o preconceito e o sexismo estão na base de muitas decisões judiciais relacionadas com crimes de violência doméstica.

Article source: http://www.esquerda.net/artigo/violencia-no-namoro-1787-casos-denunciados/46993

Gianluca Basile ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dal basket giocato. Costretto a stare fuori dall’inzio della stagione per vari problem fisici ha comunicato la sua decisione. Inventore del tiro ignorante e vincente in patria e all’estero, Gianluca Basile è tutto e di più.

Il ritiro era nell’aria, ora è ufficiale

Ha detto basta. Ha deciso di appendere le scarpetta al chiodo uno dei più grandi cestisti italiani. Gianluca Basile ha annunciato il suo ritiro dal basket, ufficialmente. La notizia era nell’aria, quasi scontata, visto che da inizio anno non ha mai potuto allenarsi per guai fisici che lo hanno convinto a smettere. Un’icona, un simbolo. Un idolo, anche oltre i confini nazionali. Da Reggio Emilia a Capo d’Orlando il passo è breve, ma il tragitto infinito. Il Baso è tutto ed il contrario di tutto. E’ l’uomo  che ha inventato il tiro ignorante ma con la faccia da bravo ragazzo. Lo stesso identico sorriso che lo ha accompagnato dai campetti di scuola fino al tetto d’Italia prima e d’Europa poi. A Barcellona lo hanno amato a tal punto da ritirare la sua maglia una volta che ha lasciato la città spagnola.

Tiro ignorante e sorriso da bravo ragazzo

Lui è il tiro ignorante fatto persona. E’ l’uomo decisivo a cui aggrapparsi quando tutto sembra perso o impossibile. E’ l’uomo dei tiri impossibili, quelli allo scadere, sulla sirena. Quante volte: palla a Basile, tre, due, uno…tripla. Ingannava il tempo ancor prima che il difensore. Lo controllava, lo gestiva e lo faceva suo amico. La tripla con la Lituania che ci manda in finale ad Atene 2004 è l’emblema del giocatore formidabile che era. E che resterà sempre nella memoria di chi ama il basket. Nella sua bacheca tanti trofei, due scudetti a Bologna di cui l’ultimo da capitano e poi i successi spagnoli, culminati con quell’Eurolega alzata al cielo di Parigi. E poi i successi con la maglia azzurra addosso. L’oro europeo nel 1999, il bronzo del 2003 e l’argento di Atene, da protagonista, sempre.

Esempio di classe e professionalità

Esempio per i più giovani e motivo d’orgoglio per tutto il movimento italiano. Il Baso nazionale è questo ma molto, molto altro. E’ la storia di un bimbo che amava il basket e viveva per diventare un campione, senza eccessi, senza sregolatezze. Fin da subito, da bambino, quando “Tornavo da casa a scuola e dovevo fare circa un km a piedi, per tutto il tragitto non facevo che imitare il gesto del tiro”. Gesto che sarà imitato, emulato, ad ogni latitudine e longitudine, ma difficilmente sarà mai eguagliato. In tutti i campetti si chiudono gli occhi e ci si immagina Basile. Palla in mano e raddoppio immediato, a pochi secondi dal termine. Palleggio, palleggio, finta. Mentre in testa ci si ripete tre, due, uno. Tiro. Anzi, per la precisione, tiro ignorante. Chi ha fatto tanto in realtà non lascia mai davvero. E allora ci sarà ancora tempo e spazio per immaginare uno dei suoi canestri. Ma adesso basta, fuori dal parquet, stavolta il tempo non si può ingannare. E allora tre, due, uno…ma stavolta niente tiro, stavolta cala il sipario, su uno dei più grandi giocatori di basket italiano.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di basket anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

 

Article source: https://www.azzurridigloria.com/basket-olimpiadi/gianluca-basile-ritiro/

Ultima chance di medaglia per le azzurre dello sci alpino: i Mondiali di St. Moritz ospitano lo slalom gigante femminile, disciplina nella quale le azzurre sono da top-5 mondiale. Sofia Goggia e Federica Brignone hanno fatto un’ottima prima manche e sono da medaglia.

MONDIALI SCI ALPINO: GOGGIA SECONDA DOPO LA 1A MANCHE, 4a FEDERICA BRIGNONE. GUIDA LA WORLEY

L’Italia dello sci alpino è ancora a secco di medaglie in questi Mondiali di St. Moritz, e si giocherà le ultime chances di podio tra oggi e domenica, quando la rassegna iridata si chiuderà con lo slalom speciale maschile: oggi, però, è il turno dello slalom gigante femminile, la disciplina nella quale le nostre atlete sono tra le migliori al mondo e possono ambire seriamente a una medaglia. Nell’ultimo gigante di CdM, Federica Brignone aveva trionfato a Plan de Corones, con Marta Bassino terza e Sofia Goggia delusa (ma Sofia è stata grande negli altri slalom), e quest’oggi le azzurre sono subito partite bene sin dalla prima manche. Una manche che vede Tessa Worley al comando col tempo di 1.02.01, ma subito dietro di lei ecco il tricolore italiano: è Sofia Goggia la prima inseguitrice della francese, anche se la bergamasca è staccata di 48/100, accumulati con un errore iniziale che le ha impedito di strappare il primato. Bene anche Federica Brignone, che è quarta alle spalle di Mikaela Shiffrin (staccata di 72/100) e, pur essendo a 1”10 dalla Worley, può ancora lottare per il podio: sono proprio Goggia e Brignone le speranze di medaglia azzurre, mentre Marta Bassino delude parzialmente, ed è in 10a posizione (a 1”49), preceduta di 7/100 dall’altra italiana in gara, Manuela Moelgg. Ci sono speranze per l’Italia dunque, che deve sperare in Sofia Goggia e Federica Brignone, mentre deludono big come Tina Weirather e Anna Veith (che noi conoscevamo come Anna Fenninger, prima del matrimonio): l’atleta del Liechtenstein, condizionata da un infortunio, è 16a, mentre la campionessa uscente chiude addirittura 23a.

MONDIALI SCI ALPINO: SOFIA GOGGIA È BRONZO NEL GIGANTE, BRIGNONE QUARTA!

L’Italia si attendeva molto da questo slalom gigante, e le azzurre non hanno deluso le attese: ottime le manche di Federica Brignone e Manuela Moelgg, che trovano delle gare di altissimo livello, ma è Sofia Goggia, seppur con qualche errorino in avvio, a trovare la prima medaglia azzurra in questi Mondiali di St. Moritz. L’atleta bergamasca, che partiva dal 2° posto dietro a Tessa Worley, disputa una buona manche nel complesso, ma viene scavalcata da Mikaela Shiffrin, che fa la differenza sul piano finale e supera Sofia di quattro decimi: la Goggia è così bronzo, dato che l’oro va alla dominatrice del gigante Tessa Worley, che supera lo scricciolo americano di 33/100, amministrando i 72/100 che aveva in partenza. Oro Worley, argento Shiffrin e bronzo Goggia, mentre la delusa di giornata è Federica Brignone, che però può essere soddisfatta per aver disputato una manche stupenda: l’azzurra ha guadagnato in ogni settore alle avversarie, Shiffrin compresa (che ha ottenuto il miglior tempo della 2a manche), con l’americana che l’ha superata solo con una grande prova nel piano finale, da buona slalomista di livello superiore. Brignone quarta dunque, a 92/100 dalla vincitrice, mentre Manuela Moelgg chiude al 6° posto: la sorella di Manfred, ottima gigantista, era all’ultimo Mondiale della sua carriera, ed ha onorato al meglio l’impegno con una seconda manche di alto livello. 11a invece Marta Bassino, che ha pagato l’emozione dell’esordio iridato, commettendo qualche errore di troppo anche nella seconda frazione (ma il futuro è suo, e l’ha già dimostrato in Coppa del Mondo). E così l’Italia centra la prima medaglia di questi Mondiali, con Sofia Goggia che si scioglie in lacrime sul podio: l’azzurra ha vissuto due giorni da incubo per l’influenza, e dunque questo bronzo vale doppio.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di sci alpino anche sui nostri social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e Google +.

Article source: https://www.azzurridigloria.com/sci-alpino-olimpiadi/mondiali-goggia-bronzo-gigante/

Azzurri di Gloria è di proprietà di Luca Lovelli
CF: LVLLCU87T16F965K
email [email protected]

Article source: https://www.azzurridigloria.com/pallavolo-olimpiadi/samuele-papi-ritiro/

Azzurri di Gloria è di proprietà di Luca Lovelli
CF: LVLLCU87T16F965K
email [email protected]

Article source: https://www.azzurridigloria.com/pallavolo-olimpiadi/samuele-papi-ritiro/

Azzurri di Gloria è di proprietà di Luca Lovelli
CF: LVLLCU87T16F965K
email [email protected]

Article source: https://www.azzurridigloria.com/scherma-carrozzina-paralimpiadi/bebe-vio-sportiva-dellanno/

Gianluca Basile ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dal basket giocato. Costretto a stare fuori dall’inzio della stagione per vari problem fisici ha comunicato la sua decisione. Inventore del tiro ignorante e vincente in patria e all’estero, Gianluca Basile è tutto e di più.

Il ritiro era nell’aria, ora è ufficiale

Ha detto basta. Ha deciso di appendere le scarpetta al chiodo uno dei più grandi cestisti italiani. Gianluca Basile ha annunciato il suo ritiro dal basket, ufficialmente. La notizia era nell’aria, quasi scontata, visto che da inizio anno non ha mai potuto allenarsi per guai fisici che lo hanno convinto a smettere. Un’icona, un simbolo. Un idolo, anche oltre i confini nazionali. Da Reggio Emilia a Capo d’Orlando il passo è breve, ma il tragitto infinito. Il Baso è tutto ed il contrario di tutto. E’ l’uomo  che ha inventato il tiro ignorante ma con la faccia da bravo ragazzo. Lo stesso identico sorriso che lo ha accompagnato dai campetti di scuola fino al tetto d’Italia prima e d’Europa poi. A Barcellona lo hanno amato a tal punto da ritirare la sua maglia una volta che ha lasciato la città spagnola.

Tiro ignorante e sorriso da bravo ragazzo

Lui è il tiro ignorante fatto persona. E’ l’uomo decisivo a cui aggrapparsi quando tutto sembra perso o impossibile. E’ l’uomo dei tiri impossibili, quelli allo scadere, sulla sirena. Quante volte: palla a Basile, tre, due, uno…tripla. Ingannava il tempo ancor prima che il difensore. Lo controllava, lo gestiva e lo faceva suo amico. La tripla con la Lituania che ci manda in finale ad Atene 2004 è l’emblema del giocatore formidabile che era. E che resterà sempre nella memoria di chi ama il basket. Nella sua bacheca tanti trofei, due scudetti a Bologna di cui l’ultimo da capitano e poi i successi spagnoli, culminati con quell’Eurolega alzata al cielo di Parigi. E poi i successi con la maglia azzurra addosso. L’oro europeo nel 1999, il bronzo del 2003 e l’argento di Atene, da protagonista, sempre.

Esempio di classe e professionalità

Esempio per i più giovani e motivo d’orgoglio per tutto il movimento italiano. Il Baso nazionale è questo ma molto, molto altro. E’ la storia di un bimbo che amava il basket e viveva per diventare un campione, senza eccessi, senza sregolatezze. Fin da subito, da bambino, quando “Tornavo da casa a scuola e dovevo fare circa un km a piedi, per tutto il tragitto non facevo che imitare il gesto del tiro”. Gesto che sarà imitato, emulato, ad ogni latitudine e longitudine, ma difficilmente sarà mai eguagliato. In tutti i campetti si chiudono gli occhi e ci si immagina Basile. Palla in mano e raddoppio immediato, a pochi secondi dal termine. Palleggio, palleggio, finta. Mentre in testa ci si ripete tre, due, uno. Tiro. Anzi, per la precisione, tiro ignorante. Chi ha fatto tanto in realtà non lascia mai davvero. E allora ci sarà ancora tempo e spazio per immaginare uno dei suoi canestri. Ma adesso basta, fuori dal parquet, stavolta il tempo non si può ingannare. E allora tre, due, uno…ma stavolta niente tiro, stavolta cala il sipario, su uno dei più grandi giocatori di basket italiano.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di basket anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

 

Article source: https://www.azzurridigloria.com/basket-olimpiadi/gianluca-basile-ritiro/

Azzurri di Gloria è di proprietà di Luca Lovelli
CF: LVLLCU87T16F965K
email [email protected]

Article source: https://www.azzurridigloria.com/pallavolo-olimpiadi/samuele-papi-ritiro/

Dados da PSP, da Associação Portuguesa de Apoio à Vítima (APAV) e da União de Mulheres Alternativa e Resposta (UMAR) divulgados no dia de São Valentim apontam para uma realidade nada romântica, o facto de a violência no namoro ser transversal à sociedade e estar a aumentar.

Dados de 2016 da PSP mostram que foram denunciados 1787 casos, dos quais 1020 entre ex-namorados e 767 entre namorados. 103 destes casos ocorreram entre menores de 17 anos. A violência é transversal a todas as classes sociais e nos últimos três anos as denúncias têm vindo sempre a aumentar, desde que em 2013 a violência no namoro passou ser considerada crime e incluída no crime público de violência doméstica.

Segundo declarações de Daniel Cotrim da APAV ao Diário de Notícias, nas relações em que há violência no namoro e a vítima é menor, os seus pais muitas vezes não têm conhecimento da relação, a primeira relação sexual é praticamente forçada, os namorados muitas vezes escolhem as roupas das raparigas quando saem à noite e eles têm acesso às passwords das suas contas de mail e de facebook (mas não vice-versa).

Dados de um inquérito feito com 5500 jovens publicados esta terça feira pela UMAR revelam que 19% de jovens inquiridos já foram vítimas de violência psicológica,  24% dos jovens consideram normal partilhar fotos íntimas ou insultar o/a parceiro/a através das redes sociais e 14% legitimam a violência psicológica. 

A UMAR assinala o dia de São Valentim associando-se à campanha One Billion Rising para acabar com a violência contra as mulheres, uma campanha internacional que teve início em 2012 a partir da divulgação da informação que 1 em cada 3 mulheres no planeta será espancada ou violada durante a sua vida. Para tal, a associação feminista marca encontro às 19h no centro LGBT na Rua dos Fanqueiros, em Lisboa.

Apesar de as queixas em casos de violência no namoro e, em particular, violência doméstiva estarem a aumentar, isto não se reflete num aumento de condenações. Em cada cinco queixas por violência doméstica, quatro são arquivadas, a grande maioria por falta de provas. Por outro lado, o Observatório Permanente da Justiça realizou um estudo onde revelou que a insensibilidade, o preconceito e o sexismo estão na base de muitas decisões judiciais relacionadas com crimes de violência doméstica.

Article source: http://www.esquerda.net/artigo/violencia-no-namoro-1787-casos-denunciados/46993

Azzurri di Gloria è di proprietà di Luca Lovelli
CF: LVLLCU87T16F965K
email [email protected]

Article source: https://www.azzurridigloria.com/ciclismo-olimpiadi/marco-pantani-morte-anniversario/

Prima del giorno di riposo, i Mondiali di sci alpino ospitano il Team Event: l’Italia non schiera le sue carte migliori in questa particolare gara, ma parte comunque da testa di serie numero 2 e può sfruttare un tabellone agevole.

MONDIALI SCI ALPINO: IN CHE COSA CONSISTE IL TEAM EVENT

Il Team Event, questo (quasi) sconosciuto: molti appassionati hanno sentito parlare raramente di questa gara, che aveva fatto il suo esordio ufficiale ai Mondiali di Bormio 2005, è stata riformata nel 2011 e farà il suo esordio olimpico a Pyeongchang 2018. L’attuale formula di questa prova, presenza fissa ai Mondiali di sci alpino, prevede uno slalom parallelo a squadre, che schierano quattro atleti (due al maschile, due al femminile: vengono disputate 4 manches) e si sfidano in un tabellone tennistico che tiene conto della classifica della Nations’ Cup. In caso di parità sul 2-2, si guardano i migliori tempi degli atleti per determinare la squadra vincitrice: l’Austria è l’assoluta regina di questa gara, avendo vinto ben tre volte nelle cinque apparizioni iridate (un oro a testa per Francia e Germania), mentre l’Italia non è mai andata a medaglia, e in quest’occasione schiera una squadra rimaneggiata per non affaticare coloro che dovranno affrontare lo slalom speciale nei prossimi giorni. Difenderanno i colori dell’Italia, che parte da testa di serie numero 2 e potrà affrontare l’Austria (testa di serie numero 1, schiera Hirscher) solo in finale (ma occhio alla Svizzera, potremmo incrociarla in semi), Giuliano Razzoli e Riccardo Tonetti al maschile, mentre al femminile avremo le migliori, con Chiara Costazza e Irene Curtoni.

MONDIALI SCI ALPINO: IL TEAM EVENT SI CONFERMA UN TABÙ, ITALIA OUT AI QUARTI

L’Italia non aveva mai ottenuto una medaglia in questa disciplina, e il trend viene confermato anche ai Mondiali di St. Moritz: gli azzurri, guidati da un Giuliano Razzoli non al top della forma, vincono in scioltezza contro la modesta Argentina, ma vengono fermati ai quarti da una Slovacchia in ottima forma, dopo una prova sottotono. L’unico a salvarsi, in una prestazione di squadra non all’altezza, è proprio Razzoli, che vince la sua manche contro Zampa quando ormai non c’è più nulla da fare: Zozulova, Falat e Vlhova avevano infatti vinto le manches precedenti, e così il risultato è di 3-1 per la Slovacchia, che avanza in semifinale e poi centra la finale battendo la Svizzera grazie alla miglior somma dei tempi. Una finale che, a sorpresa, vede in gara anche la Francia, in una gara che ha riservato non poche sorprese: escono subito infatti gli Stati Uniti (senza Mikaela Shiffrin) contro il Canada, e lo stesso vale per la Germania, mentre l’Austria viene ”giustiziata” dalla Svezia nei quarti, grazie anche ad un Hirscher irriconoscibile, che perde ogni manche disputata. Una Svezia che, anche in virtù dell’ottima prova di squadra del parallelo di Stoccolma e dello stile ”particolare” di Hargin e Myhrer (che ”sfondano” letteralmente le porte, senza aggirarle) che garantisce maggior velocità, sembrava la favorita, e invece va ko contro la Francia grazie all’ottimo tempo di Pinturault: la finale è dunque una sorprendente Francia-Slovacchia, e l’oro va ai francesi, che vincono di nuovo per la somma dei tempi, nonostante le ragazze slovacche (Zozulova e Vlhova) siano rimaste imbattute per tutto il Team Event. Bronzo invece alla Svezia, che centra la 6a medaglia nel Team Event e batte la Svizzera con un perentorio 3-1.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di sci alpino anche sui nostri social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e Google +.

Article source: https://www.azzurridigloria.com/sci-alpino-olimpiadi/mondiali-italia-out-team-event-vince-francia/

Gianluca Basile ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dal basket giocato. Costretto a stare fuori dall’inzio della stagione per vari problem fisici ha comunicato la sua decisione. Inventore del tiro ignorante e vincente in patria e all’estero, Gianluca Basile è tutto e di più.

Il ritiro era nell’aria, ora è ufficiale

Ha detto basta. Ha deciso di appendere le scarpetta al chiodo uno dei più grandi cestisti italiani. Gianluca Basile ha annunciato il suo ritiro dal basket, ufficialmente. La notizia era nell’aria, quasi scontata, visto che da inizio anno non ha mai potuto allenarsi per guai fisici che lo hanno convinto a smettere. Un’icona, un simbolo. Un idolo, anche oltre i confini nazionali. Da Reggio Emilia a Capo d’Orlando il passo è breve, ma il tragitto infinito. Il Baso è tutto ed il contrario di tutto. E’ l’uomo  che ha inventato il tiro ignorante ma con la faccia da bravo ragazzo. Lo stesso identico sorriso che lo ha accompagnato dai campetti di scuola fino al tetto d’Italia prima e d’Europa poi. A Barcellona lo hanno amato a tal punto da ritirare la sua maglia una volta che ha lasciato la città spagnola.

Tiro ignorante e sorriso da bravo ragazzo

Lui è il tiro ignorante fatto persona. E’ l’uomo decisivo a cui aggrapparsi quando tutto sembra perso o impossibile. E’ l’uomo dei tiri impossibili, quelli allo scadere, sulla sirena. Quante volte: palla a Basile, tre, due, uno…tripla. Ingannava il tempo ancor prima che il difensore. Lo controllava, lo gestiva e lo faceva suo amico. La tripla con la Lituania che ci manda in finale ad Atene 2004 è l’emblema del giocatore formidabile che era. E che resterà sempre nella memoria di chi ama il basket. Nella sua bacheca tanti trofei, due scudetti a Bologna di cui l’ultimo da capitano e poi i successi spagnoli, culminati con quell’Eurolega alzata al cielo di Parigi. E poi i successi con la maglia azzurra addosso. L’oro europeo nel 1999, il bronzo del 2003 e l’argento di Atene, da protagonista, sempre.

Esempio di classe e professionalità

Esempio per i più giovani e motivo d’orgoglio per tutto il movimento italiano. Il Baso nazionale è questo ma molto, molto altro. E’ la storia di un bimbo che amava il basket e viveva per diventare un campione, senza eccessi, senza sregolatezze. Fin da subito, da bambino, quando “Tornavo da casa a scuola e dovevo fare circa un km a piedi, per tutto il tragitto non facevo che imitare il gesto del tiro”. Gesto che sarà imitato, emulato, ad ogni latitudine e longitudine, ma difficilmente sarà mai eguagliato. In tutti i campetti si chiudono gli occhi e ci si immagina Basile. Palla in mano e raddoppio immediato, a pochi secondi dal termine. Palleggio, palleggio, finta. Mentre in testa ci si ripete tre, due, uno. Tiro. Anzi, per la precisione, tiro ignorante. Chi ha fatto tanto in realtà non lascia mai davvero. E allora ci sarà ancora tempo e spazio per immaginare uno dei suoi canestri. Ma adesso basta, fuori dal parquet, stavolta il tempo non si può ingannare. E allora tre, due, uno…ma stavolta niente tiro, stavolta cala il sipario, su uno dei più grandi giocatori di basket italiano.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di basket anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

 

Article source: https://www.azzurridigloria.com/basket-olimpiadi/gianluca-basile-ritiro/